Homepage

Campagna per l’incostituzionalità del voto elettronico

Unisciti a noi per sorvegliare che una eventuale introduzione del voto elettronico avvenga in considerazione dei diritti dei cittadini e delle minoranze, con il massimo rispetto delle leggi e della Costituzione senza avventati salti nel buio che potrebbero inficiare la democrazia italiana.

Cosa puoi fare tu:

  • Dona al Comitato (piccole donazioni, sotto i 10€, possono servire a sostenere i costi vivi delle nostre iniziative) (scrivi a tesoriera@crvd.org )
  • Iscriviti alla Mailing-list delle notizie. ( https://groups.google.com/d/forum/crvd-live-news )
  • Se vuoi entrare in azione informa della tua disponibilità (scrivi a info@crvd.org )

Per il Comitato per i Requisiti del Voto in Democrazia non basta il voto per essere in democrazia. Il voto durante il regime fascista era libero? Liberamente si è votato sotto il regime sovietico? Anche nella Repubblica Democratica Tedesca c’erano più partiti tra cui scegliere. Ma anche ora i cittadini della Corea del Nord possono scegliere liberamente tra ben tre partiti,che dopo le elezioni andranno tutti al governo. In Venezuela il voto libero nel 2004 ha confermato un dittatore e, sempre liberamente, si è votato nel 2017 la nuova Assemblea Costituente che ha definitivamente eliminato l’opposizione democratica.
Ma allora, quali sono i requisiti del voto per essere veramente in una democrazia?

https://crvd.org

info@cvrp.org